XXVII edizione 2011


LABORATORIO DI LETTURA
“L’OFFICINA DEL LETTORE”
A cura dell’Associazione Premio Nazionale di Narrativa Bergamo

A partire dalla considerazione che la lettura assume un ruolo fondamentale nello sviluppo di competenze narrative alla base delle future capacità progettuali e relazionali di studenti e studentesse, i due incontri previsti nel progetto “L’Officina del lettore” mirano a lavorare sulla lettura sia come metodo rigoroso di analisi di un testo sia come esperienza critica individuale che si affina progressivamente.
Con una modalità partecipativa, gli studenti saranno chiamati a riflettere su domande relative a: Come si legge un testo? Come è costruito un testo? Cosa si osserva quando si legge? Cosa si cerca mentre si legge? Come interagiscono, parafrasando Italo Calvino, “i libri degli altri” con i “nostri libri” che via via compongono la nostra libreria?
Partendo dalle pagine scritte da autori e autrici sull’importanza della lettura, si promuoverà una riflessione di gruppo per mettere a fuoco le proprietà della narrazione: la sequenzialità spazio-temporale; la particolarità; l’intenzionalità; l’opacità referenziale; la scomponibilità ermeneutica; la violazione della canonicità; l’incertezza che nasce dall’espressione di un punto di vista tra i tanti possibili e infine l’appartenenza a un genere che coincide con una categoria letteraria.
Si tratta di passare da una visione della letteratura come contenuto da trasmettere a strumento per lavorare attivamente su quelle che nell’ambito pedagogico sono state codificate dall’Istituto per la Formazione dei Lavoratori come competenze trasversali e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (1993) come life skills, competenze per la vita, ossia la capacità di:

  • relazionarsi, mettersi in relazione adeguata con l’ambiente, le persone, le cose di un certo contesto per rispondere alle richieste;
  • affrontare, fronteggiare i problemi con migliori probabilità di risolverli, costruendo adeguate strategie di azione, finalizzate al raggiungimento degli scopi personali del soggetto e di quelli previsti dal compito;
  • conoscere se stessi, il proprio carattere, desideri, bisogni, punti deboli e forti;
  • riconoscere le proprie emozioni e quelle altrui;
  • esprimersi in modo efficace e congruo alla propria cultura.

Gli incontri mirano a sensibilizzare alla lettura di un testo inteso come grande esercizio di soggettività poiché, come scrive Dacia Maraini in Amata scrittura “chi legge un libro in qualche modo lo riscrive. L’autore porge delle indicazioni ma poi è il lettore che deve sapere ricostruire con la sua immaginazione e il suo sapere il mondo in cui si trova a vivere attraverso i corpi estranei dei personaggi. Per questo considero la scrittura una vera gioia amorosa, leggere è un grande esercizio di soggettività”.
I libri con le loro storie non vogliono soltanto far conoscere il mondo ai lettori più giovani, ma anche loro stessi ed è per questo che alla fine producono importanti cambiamenti e crescite esistenziali indispensabili a futuri cittadini consapevoli e partecipativi.
Come scrive Kafka “se il libro che stiamo leggendo non ci sveglia con un pugno in testa, perché mai lo leggiamo? Perché ci renda felici? Mio Dio saremmo felici lo stesso, anche senza libri e i libri che ci rendono felici, quelli, all’occorrenza, potremmo scriverli da soli.. un libro dev’essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi”.

Testi di riferimento:

A.Compagnon, Il demone della teoria, Einaudi, Torino, 2000
H. Bloom, Come si legge un libro ( e perché), Rizzoli, Milano, 2000
G. Manganelli, La letteratura come menzogna, Adelphi, Milano, 1985.
I Calvino, Lezioni americane, Garzanti, Milano 1988
I Calvino, I libri degli altri, Einaudi, Torino, 1991
G.Pontiggia, I contemporanei del futuro, Mondatori, Milano, 1998
Filippo La Porta, La nuova narrativa italiana. Travestimenti e stili di fine secolo, Bollati Boringhieri, Torino, 1999
“Italia due”, Riga n. 17, a cura di M. Belpoliti e E. Grazioli, Marcos y Marcos, Milano 2000.
G.Celati, Fata Morgana, Feltrinelli, Milano, 2005.